Vi sposereste mai a Gennaio?

Il maltempo e il freddo sono da sempre spauracchi per tante coppie di sposi, per questo la bassa stagione per i ricevimenti è proprio quella che va da Novembre a Marzo.

E se vi dicessimo che le cose stanno cambiando?

Sono infatti sempre più numerose le coppie che prendono in considerazione i mesi freddi per convolare a nozze. Le ragioni sono tante: si va dai fornitori, che in inverno sono generalmente più liberi (il che dà alle coppie maggiore possibilità di scelta), alle promozioni spesso attivate dalle location e dai fornitori stessi per incentivare i matrimoni in bassa stagione.

Certo, gli spazi da sfruttare sono più limitati, le ore di luce sono ridotte.

Per questo un matrimonio d’inverno va studiato bene e con anticipo, in modo da sfruttare al meglio tutto quello che questa bellissima, e spesso sottovalutata, stagione ha da offrire.

Abbiamo chiesto a Federica Lombardi, wedding designer che si occupa anche di grafica e allestimenti per eventi, di immaginare un matrimonio invernale a Villa Cagnoni Boniotti.

Il risultato è un ricevimento che sembra uscito da una fiaba, dove l’eleganza incontra il calore, con un pizzico di originalità.
Ma ve lo lasciamo raccontare da Federica:

La palette:

“Immagino un ricevimento invernale in questi tre colori principali: bianco puro, verde salvia, oro rosa. Il bianco puro o bianco brillante richiama subito il freddo e la neve, e abbinato al verde salvia mantiene il “freddo”, ma aggiunge carattere. E, a riscaldare e impreziosire l’atmosfera, tocchi d’oro rosa che riprendono le luci.”

Il mood:

“Il mood è l’atmosfera, quello che vorreste trasmettere ai vostri ospiti. La nostra palette di colori e l’allestimento, con luci, divani, e caminetti accesi, daranno una sensazione di calore e al contempo di grande eleganza, e questo sarà il nostro mood: caldo e molto fine.”

Le partecipazioni:

“Un’idea originale e veramente perfetta per un matrimonio d’inverno è quella di creare una tavoletta di cioccolata personalizzata: la carta che avvolge il cioccolato, con illustrazioni botaniche nei colori palette, riporterà tutte le informazioni utili. Sono sicura che sarà una coccola molto apprezzata dai vostri invitati.”

I segnaposto:

“Saranno sobri ma raffinati: nappine di pino che fanno anche da fermatovagliolo. Tenute insieme da un nastrino dorato, saranno legate al tag segnaposto, in cartoncino bianco.”

I tavoli:

“I tavoli saranno ricoperti da tovaglie verde salvia, con sottopiatti semplici e nella stessa tonalità di verde. Per aggiungere raffinatezza, immagino tumbler e calici lavorati e posate con impugnatura in madreperla.

E non dimentichiamo le sedie: in inverno ci vuole una sedia comoda e importante, opterei sicuramente per una sedia in stile inglese con seduta imbottita e schienale in paglia di Vienna.”

 

Il centrotavola:

“Al centro della tavola sarà la luce a fare da protagonista, con tocchi d’oro e giochi di altezze: piccoli porta tea lights in vetro anranno a circondare un importante candelabro dorato al centro, con candele nel nostro verde salvia. Dal candelabro scenderà a cascata una composizione di fiori, ricca ma non ingombrante. Per restare nella palette e nel mood utilizzerei eucalipto, pino argentato, rose bianche e peonie.”

L’angolo lounge:

“La villa ha il vantaggio di avere dei caminetti e in inverno sono un vero tesoro, assolutamente da sfruttare! Per dare un tocco di classe in più e una ulteriore sensazione di comfort e calore agli ospiti, creerei davanti a ogni caminetto una piccola zona lounge con divani in velluto (possibilmente verde!) e magari dei plaid bianchi a disposizione.”

Le luci:

“Le luci portano sempre magia, in inverno ancora di più! Oltre alle candele, per chi vuole osare si potrebbero allestire, sul soffitto con travi a vista, tante file di lucine così da ricreare un cielo stellato. Sarà come immergersi in una fiaba!”

Il taglio torta:

“Il motto di un designmatrimonio in inverno dovrebbe essere “il freddo è nostro amico”.
Sono certa che, dopo aver passato qualche ora a tavola, non sarà sgradevole per i vostri ospiti spostarsi all’esterno per qualche minuto per il taglio del dolce nuziale. Immagino di allestirlo sotto ad un albero, proprio accanto alla villa: l’albero sarà ovviamente spoglio, ma avrà mille lucine a cascata che lo faranno fiorire e incorniceranno questo momento in modo davvero magico.”

Lo sweet table:

“L’angolo dolci è la coccola finale, dev’essere ricco e originale. Io lo immagino addirittura nelle nuances della nostra palette: torte di crema dall’aspetto candido e invitante, composizioni di macarons nei colori verde salvia e bianco e, per divertirci un po’, zucchero filato negli stessi colori. Sono sicura che sarà apprezzato dai bimbi, e non solo!”

Questo il matrimonio invernale in villa immaginato da Federica: che dite, i suoi suggerimenti creativi vi hanno ispirato? Ci auguriamo proprio di sì, e speriamo che immaginare un matrimonio in inverno adesso sembri anche a voi più allettante!

Per scoprire cos’altro può fare Federica per voi, visitate la sua pagina Facebook e il suo account Instagram (link).

Qui invece trovate le nostre promozioni in corso.

Arrivederci al prossimo sogno!